Tag: Monasterolo di Cafasse

Certificato d’Eccellenza 2019

GRAZIE!

Anche quest’anno il Cit Galantom ha vinto il Certificato di Eccellenza TripAdvisor per le ottime recensioni ottenute!

Questo riconoscimento ci riempie il cuore di gioia: cheffa Tiziana e Dario vi ringraziano per le vostre recensioni.

Ogni giorno mettiamo amore e professionalità in tutto quello che facciamo, cercando di migliorarci continuamente e di farvi vivere esperienze uniche e indimenticabili.

Tutto ciò perché abbiamo un solo obiettivo: coccolarvi!

TripAdvisor, ma non solo!

TripAdvisor non è l’unica piattaforma dove il ristorante Cit Galantom eccelle per recensioni e giudizi positivi: siamo il primo ristorante a Monasterolo di Cafasse, il primo ristorante a Cafasse e tra i primi ristoranti in provincia di Torino anche su:

Come pubblicare una recensione su TripAdvisor?

Pubblicare una recensione è veramente molto semplice: basta cercare “Cit Galantom” su TripAdvisor e cliccare su “Scrivi una recensione”: potrai raccontare la tua esperienza e condividere foto dei piatti che hai mangiato.

Al contrario, non è possibile pubblicare recensioni non veritiere: il sistema di controllo di TripAdvisor monitora le recensioni e sanziona chi pubblica recensioni mendaci.

Per maggiori informazioni, clicca qui.

Ho già pubblicato una recensione; posso pubblicarne un’altra?

Il portale TripAdvisor accetta recensioni per successive visite alla stessa struttura, solo dopo un mese dalla pubblicazione dell’ultima recensione.
Se sei tornato a trovarci, puoi condividere nuovamente la tua esperienza.

Non ho un account su TripAdvisor; posso pubblicare una recensione sugli altri portali?

Assolutamente sì. Puoi pubblicare la tua recensione su Facebook e su Google, oppure condividere le tue foto su Instagram taggando il ristorante Cit Galantom di Monasterolo di Cafasse @cit_galantom usando gli hashtag #citgalantom #fatticoccolaredalcitgalantom

Scopri di più:

Annunci

Il Gran Fritto Misto alla Piemontese 2019

Torna il GRAN FRITTO MISTO alla PIEMONTESE, al CIT GALANTOM!

Si comincia il nuovo anno alla grande, torna il Fritto Misto al Cit Galantom!

Dario e cheffa Tiziana ti aspettano da venerdì 18 a domenica 27 gennaio 2019.

SOLO SU PRENOTAZIONE!

Scopri di più e Prenota Ora!

Menù speciale “Gran Fritto Misto alla Piemontese” prevede:

  • Antipasto
  • n. 35 pezzi di Fritto Misto
  • Consommé con agnolotti
  • Dolce
  • Acqua, vino, caffè e digestivi compresi.

Per riservare il tuo tavolo tel. 389/789.49.31

Alla scoperta di Monasterolo: Dovilio Brero

Alla scoperta di Monasterolo di Cafasse

Dovilio Brero

Il ristorante Cit Galantom si trova nella bassa valle di Lanzo, a 15 minuti dalla tangenziale, più precisamente a Monasterolo di Cafasse.

Questa frazione del comune di Cafasse, oltre a essere la location del nostro ristorante, è famosa per un artista di fama internazionale: Dovilio Brero.

Dovilio è stato un grandissimo pittore e scultore, conosciuto in tutto il mondo. Dovilio è sempre rimasto molto legato alla sua Monasterolo di Cafasse, tanto da omaggiarla nel 1991 con una meravigliosa pala d’altare La Pentecoste situata nella cappella della nostra frazione dedicata a San Rocco.

In questi giorni, dal 20 al 28 ottobre 2018, presso la Cappella di S. Rocco a Monasterolo di Cafasse (TO), si tiene una mostra fotografica di opere insolite, che ripercorre la vita e il legame di Dovilio con il suo paese.
Realizzazioni fotografiche di Fabio Tarticchio.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Qui il link per l’evento su Facebook dedicato alla mostra, organizzata da Sabina Brero.

Vi aspettiamo a Monasterolo di Cafasse, prima alla mostra, poi al Cit Galantom!


Una breve biografia di Dovilio, dal sito www.dovilio.com “Dopo le esperienze negli Stati Uniti, Dovilio comincia a lavorare alle scomposizioni e alle frammentazioni dei suoi oli e delle tavole su cui dipinge, ad esempio La Pentecoste (1991), il suo Autoritratto (1987/88), Icaro e il Minotauro (1994). Sempre scomposizioni sono: Plexiglas del 1995, titolati Mappe di Dedalo. Nel 1996 comincia a chiudere parzialmente nelle casse i dipinti e le opere, sino all’occultazione totale del 1997. Nel 1998 inventa i muri che celeranno le sue opere, definitivamente.”

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: